4.4 Il turismo

Nel corso dell’ultimo secolo gran parte dell’area costiera regionale è stata interessata da un fortissimo processo di valorizzazione economica, imperniato soprattutto sul turismo balneare che ha raggiunto notevoli dimensioni.

Negli ultimi anni sono sorti vari impianti e strutture orientati verso il turismo ambientale, che offrono una notevole varietà di servizi tra cui: noleggio biciclette, escursioni in barca, escursioni in canoa, escursioni con batana (tipica imbarcazione a fondo piatto), pescaturismo, birdwatching, passeggiate in compagnia di una guida ambientale, attività di educazione ambientale, escursioni a cavallo e attività di pesca turismo.

Il pescaturismo  attività regolamentata dal decreto ministeriale 293 del 13 aprile 1999, nasce nell’ottica del “turismo responsabile”, per valorizzare le realtà sociali e ambientali dei luoghi più suggestivi e delle antiche tradizioni della nostra cultura. Da un lato risponde all'esigenza di diversificazione di parte delle attività di pesca, in particolare all'interno di Aree Marine Protette, dall’altro permette al visitatore di conoscere il mare e le sue tradizioni e, in particolare, una delle attività più antiche del mondo, la pesca, attraverso i racconti dei pescatori che hanno trascorso la loro vita in mare. Il Pescaturismo permette ai pescatori di poter incrementare la loro economia senza tradire la cultura e la tradizione marinara, senza sfruttare in modo massiccio e distruttivo le risorse del mare, e anzi favorendo il ritorno alle tecniche tradizionali, legate al mondo della piccola pesca. A bordo dei pescherecci gli ospiti potranno essere coinvolti in molteplici attività nell'ottica della divulgazione della cultura del mare e della pesca, come: brevi escursioni lungo le coste, l'osservazione delle attività di pesca professionale, la ristorazione a bordo o a terra, la pesca sportiva e tutte quelle attività finalizzate alla conoscenza ed alla valorizzazione dell'ambiente costiero che possono servire ad avvicinare il grande pubblico al mondo della pesca professionale.

 

 

L’ecoturismo rappresenta una voce importante in quanto oltre a contribuire all’economia locale rappresenta un mezzo ottimale per la divulgazione dei valori legati alla biodiversità. La capacità di trasferire i servizi ecosistemici offerti dall’area del Flag in economia e benessere reali per la popolazione, inizia con il mettere in luce e valorizzare le relazioni tra ambiente e economia, che sono un punto di forza della nostra costa.
Esistono sul territorio numerose strutture di supporto all’ecoturismo (musei, centri visita, punti informativi e uffici turistici) da cui è possibile ottenere notizie, informazioni e servizi circa il territorio, le escursioni e le diverse possibilità di fruizione del territorio.

Verso un futuro sostenibile

L'obiettivo 8 dell'Agenda 2030 indica:

Entro il 2030, elaborare e attuare politiche volte a promuovere il turismo sostenibile, che crei posti di lavoro e promuova la cultura e i prodotti locali.

 

Scroll to top